L' abisso. Piccolo mosaico del disumano. Vol. 3 eBook

Scarica l'e-book L' abisso. Piccolo mosaico del disumano. Vol. 3 in formato pdf. L'autore del libro è none. Buona lettura su lascalashepard.it!

Lascalashepard.it L' abisso. Piccolo mosaico del disumano. Vol. 3 Image

"Di fronte a profughi e persone in movimento, l'Europa si trasforma in una mostruosa macchina militare-burocratica per respingerli, per fermare quelli che migrano alla ricerca di uguaglianza. In una pulsione senza precedenti dalla seconda guerra mondiale, l'Europa sceglie la violenza come politica e decide di spostare la sua frontiera più a sud, in Africa, trasformandosi in un dispositivo per bloccare e per deportare chi tenta di arrivare - l'Europa si fa muraglia di eserciti e poliziotti, di campi, di leggi e di persecuzioni. Il passaggio storico è dalla xenofobia a un'ideologia strutturata e delirante: il "fascismo della frontiera". Il passaggio strategico: la guerra dichiarata ai migranti. Il risultato? L'abisso o l'orrore in corso: l'eliminazione di massa dell'altro. Orrore, perché le parole ancora mancano per nominare l'innominabile che è fatto anche della nostra assenza e anestesia." (Flore Murard-Yovanovitch). Postfazione di Alessandro Dal Lago.

INFORMAZIONE
DIMENSIONE
5,48 MB
NOME DEL FILE
L' abisso. Piccolo mosaico del disumano. Vol. 3.pdf
ISBN
9788862226097
AUTORE
none
DATA
2017
SCARICARE
LEGGI

DERIVE - Stampa Alternativa

L'abisso. Piccolo mosaico del disumano. Vol. 3: "Di fronte a profughi e persone in movimento, l'Europa si trasforma in una mostruosa macchina militare-burocratica per respingerli, per fermare quelli che migrano alla ricerca di uguaglianza.In una pulsione senza precedenti dalla seconda guerra mondiale, l'Europa sceglie la violenza come politica e decide di spostare la sua frontiera più a sud ...

L' abisso. Piccolo mosaico del disumano. Vol. 3 - Flore ...

L'abisso. Piccolo mosaico del disumano. Vol. 3: "Di fronte a profughi e persone in movimento, l'Europa si trasforma in una mostruosa macchina militare-burocratica per respingerli, per fermare quelli che migrano alla ricerca di uguaglianza.In una pulsione senza precedenti dalla seconda guerra mondiale, l'Europa sceglie la violenza come politica e decide di spostare la sua frontiera più a sud ...