Costantinopoli 1453. L'assedio eBook

Leggi il libro Costantinopoli 1453. L'assedio PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su lascalashepard.it e trova altri libri di Jack Hight!

Lascalashepard.it Costantinopoli 1453. L'assedio Image

1453: da più di mille anni le mura di Costantinopoli proteggono la capitale del glorioso impero romano d'Oriente, ultimo avamposto della Cristianità. Ma le armate turche hanno circondato la città, i loro poderosi cannoni sono puntati contro i bastioni, e nessuno verrà in aiuto degli assediati: l'ultimo esercito crociato è stato distrutto nella pianura del Kosovo. Mentre si prepara la battaglia finale, tre figure cercano di imprimere il proprio sigillo sugli eventi: il giovane sultano Maometto, appena tornato dall'esilio e voglioso di dimostrare la sua grandezza; l'orgogliosa principessa bizantina Sofia, estremo baluardo della gloria passata; il coraggioso diplomatico e generale italiano Giovanni Longo, che ha anche ragioni molto personali per combattere fino alla morte. Dalla loro sfida, in un crescendo di complotti, doppi giochi e tradimenti tra gli assalitori turchi e nella corte imperiale, dipenderà il destino di un mondo, e una delle grandi svolte nella storia dell'umanità.

INFORMAZIONE
DIMENSIONE
7,14 MB
NOME DEL FILE
Costantinopoli 1453. L'assedio.pdf
ISBN
9788817043984
AUTORE
Jack Hight
DATA
2010
SCARICARE
LEGGI

Assedio di Costantinopoli (1453) - Unionpedia

La trama e le recensioni di "L'assedio. Costantinopoli 1453", romanzo di Jack Hight edito da Rizzoli. L'impero d'Oriente è ridotto a una sola città: mentre si prepara l'assedio, si tessono complotti, si tramano doppi giochi e tradimenti tra gli assalitori turchi e all'interno delle mura di Bisanzio.

L'assedio. Costantinopoli 1453 - Jack Hight - Recensioni ...

Nel 1453 con l'assedio di Costantinopoli da parte degli Ottomani, Solimano era l'ammiraglio di tutta la marina ottomana, che comprendeva 250 navi, il comando gli era stato affidato dal sultano Mehmet II. Nuovo!!: Assedio di Costantinopoli (1453) e Solimano Baltoğlu · Mostra di più » Stefan Bogoridi